Infrastruttura di crittografia „lontana“ dalla scala necessaria per supportare $1t Bitcoin o Ethereum

Bitcoin, Ethereum e altcoin hanno visto una rapida crescita quest’anno. La BTC è cresciuta di per sé di quasi il 100 per cento solo poche settimane fa, mentre alcuni altercoin sono cresciuti letteralmente di migliaia di punti percentuali.

Questa traiettoria ha reso molti analisti e gestori di fondi nello spazio fiduciosi che le valute crittografiche cominceranno a sfiorare i mille miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato.

Come riportato da CryptoSlate in precedenza, Spencer Noon di DTC Capital ha commentato il percorso del settore:

„Il forte sfondo fondamentale di #crypto – che è diverso da qualsiasi mercato toro in precedenza – è che ci sono miliardi di miliardi di criptodollari in arrivo per usare #DeFi. A meno che questo non mostri segni di rallentamento, siamo sulla buona strada per un marketcap aggregato multimiliardario per lo spazio“.

Questo è avvenuto poco dopo che Chris Burniske di Placeholder Capital ha sostenuto che la principale crittovaluta, Bitcoin Trader, e Ethereum erano entrambi pronti a salire a 1 trilione di dollari di capitalizzazione di mercato.

Secondo Arjun Balaji del Paradigm, tuttavia, questo potrebbe non essere il caso.

Di recente ha pubblicato un ampio blog personale che suggerisce che l’infrastruttura del mercato della crittografia e la sua struttura di base non è ancora in grado di facilitare tali afflussi. Il blog è stato celebrato da molti altri nello spazio che si sono trovati d’accordo con il sentimento da lui espresso.

Crypto non è pronto a sostenere Bitcoin, Ethereum, altcoin market caps in the trillions?

Nel blog, intitolato „Crypto Market Structure 3.0“, ha spiegato che crypto è lontano da un punto in cui sarà in grado di supportare attività di crittografia multimiliardarie:

„La struttura del mercato dei prodotti crittografici ha subito due significative evoluzioni nel corso del primo decennio. Nonostante la rapida innovazione, il mercato è lontano dalla maturità o dalla scala necessaria per sostenere un tetto di mercato multimiliardario“.

L’Ethereum è un buon esempio di questa affermazione. Come abbiamo visto con il lancio del token UNI di Uniswap, la catena di blocco è diventata rapidamente inutilizzabile poiché il costo del gas ha raggiunto i 1.000 Gwei, il che significa che le semplici transazioni sulla rete sono costate decine di dollari.

Ma il cambiamento sta arrivando.

Balaji ha spiegato che il mercato dei crittografi è in piena fase iniziale di una „evoluzione strutturale“ che porterà l’efficienza del capitale e i sistemi per collegare il CeFi a DeFi. Questo cambiamento si manifesterà se si formeranno le seguenti tendenze:

  • Crypto otterrà prime brokerage dedicati per consentire „ai clienti di guadagnare sui margini tra le sedi e le celle frigorifere“ per „accelerare i cicli di vita degli scambi spostando i trasferimenti fuori catena“.
  • Sarà sviluppato un mercato repo che permetterà alle istituzioni all’interno dello spazio cripto di prendere in prestito denaro a breve termine.
  • DeFi diventerà privo di attrito e avrà un’esperienza utente simile o migliore rispetto alle piattaforme finanziarie centralizzate.
  • Il trading non detentivo si normalizzerà man mano che gli utenti si renderanno conto che le commissioni e lo spread potrebbero essere più bassi nelle borse decentralizzate rispetto a quelle centralizzate.
  • Le istituzioni entreranno nello spazio finanziario decentralizzato.
Infrastruttura di crittografia „lontana“ dalla scala necessaria per supportare $1t Bitcoin o Ethereum
Nach oben scrollen